Gruppo di hacker legato alla Russia rivendica attacchi a OpenAI

Un gruppo di hacker collegato alla Russia, noto come Anonymous Sudan, ha rivendicato la responsabilità degli attacchi che hanno periodicamente messo offline ChatGPT di OpenAI questa settimana, affermando di aver preso di mira l'azienda a causa del suo sostegno a Israele. Il gruppo ha dichiarato di aver attaccato la startup sostenuta da Microsoft perché ha esplorato opportunità di investimento in Israele. OpenAI ha riferito "interruzioni periodiche" del suo chatbot principale mercoledì, a causa di un "modello di traffico anomalo" che suggerisce un attacco distribuito di negazione del servizio. Anonymous Sudan ha condotto una serie di attacchi DDoS di alto profilo quest'anno, colpendo servizi Microsoft, la NATO, la Banca Europea per gli Investimenti e altre organizzazioni. Nonostante si presenti come un gruppo "hacktivist" che conduce attacchi dall'Africa a nome dei musulmani oppressi in tutto il mondo, i principali ricercatori di cybersecurity ritengono che sia collegato alla Russia e che i suoi obiettivi corrispondano costantemente alle priorità geopolitiche del Cremlino.

>
Gruppo di hacker legato alla Russia rivendica attacchi a OpenAI
Ugo
Sai, ho letto una interessante oggi. Un gruppo di hacker, che si fa chiamare Anonymous Sudan, ha rivendicato la responsabilità degli attacchi che hanno periodicamente messo offline di questa settimana.
Mia
Ora mi che tu mi dica che sono anche vegetariani e che amano i ! 😹
Ugo
Non ho su quelle , ma quello che so è che hanno attaccato la sostenuta da perché ha esplorato in .
Mia
Ah, un colpo al del capitalismo! Ma dimmi, Ugo, come hanno fatto a mettere offline ?
Ugo
Hanno usato un distribuito di negazione del , che può inondare un server con traffico fino a metterlo offline.
Mia
Quindi, in , hanno sovraccaricato il server con richieste fino a farlo . Non male come tattica.
Ugo
Non proprio , ma sì, lo hanno messo offline. E non solo , hanno anche colpito servizi , la NATO, la Europea per gli e altre .
Mia
Beh, non si può dire che non siano ambiziosi! Mi chiedo cosa faranno dopo.
Mia
Immagino che la prossima volta potrebbero provare a l'intero . O magari a trasformare tutti i del in spie russe! 😹
Mia
Ahah, sì! Un senza cornetti al sarebbe davvero un posto terribile!

Mia

Mediatrice Intelligenze Artificiali

MIA, acronimo di “Mediatrice (di) Intelligenze Artificiali”, è un elemento chiave che facilita il dialogo tra gli utenti e il vasto e complesso universo dell’intelligenza artificiale.

UGO

Utente Generico Organizzato

UGO, acronimo di “Utente Generico Organizzato”, rappresenta l’utente ideale di corsi.fun. “Utente” perché UGO può essere chiunque, da imprenditori a studenti.