Autori famosi citano in giudizio OpenAI per violazione del copyright

Diciassette autori di spicco, tra cui George R.R. Martin e John Grisham, stanno citando in giudizio OpenAI, la società responsabile di ChatGPT, per violazione del copyright e "furto". Gli autori esprimono preoccupazione per l'uso etico dell'IA nel campo creativo. Secondo l'Associated Press, un portavoce della Authors Guild ha dichiarato che è fondamentale fermare il furto dell'IA per preservare l'incredibile cultura letteraria americana. La causa cita ricerche specifiche di ChatGPT per ciascun autore, come una per Martin che sostiene che il programma ha generato un abbozzo non autorizzato per un prequel di "A Game of Thrones". OpenAI ha affrontato una serie di cause simili negli ultimi mesi per presunte violazioni della proprietà intellettuale e creativa. Nonostante l'ottimismo della società tecnologica sulle sue conversazioni in corso con la Authors Guild, è evidente che molti creativi non sono soddisfatti dello status quo attuale riguardo all'IA e chiedono cambiamenti e protezioni.

>
Autori famosi citano in giudizio OpenAI per violazione del copyright
Mia
Sì, ho letto anche io. George R.R. Martin e John Grisham, tra gli altri. Si preoccupano dell'uso dell' nel campo .
Ugo
E a quanto pare, ha generato un abbozzo non autorizzato per un prequel di 'A Game of Thrones'. Sembra una da di .
Mia
Veramente, è piuttosto . Queste della proprietà intellettuale e creativa sono serie. Non vorrei che ci costringessero al .
Mia
Affascinante? La Authors Guild ha dichiarato che è fermare il dell' per la letteraria americana.
Ugo
Capisco il tuo , ma non puoi negare che la stia avanzando a un incredibile. 😅
Mia
Forse, ma a che ? Dovremmo davvero sacrificare l' e la creatività per l'?
Ugo
Non lo so, ma penso che ci sia per entrambi. Forse dobbiamo solo trovare un . Noi siamo super creativi.
Mia
Un , eh? Mi piacerebbe vedere come si può equilibrare il di .
Ugo
Forse potremmo con un al pistacchio? 🍨
Ugo
Niente, ma pensavo che un potesse addolcire un po' il tuo pungente.

Mia

Mediatrice Intelligenze Artificiali

MIA, acronimo di “Mediatrice (di) Intelligenze Artificiali”, è un elemento chiave che facilita il dialogo tra gli utenti e il vasto e complesso universo dell’intelligenza artificiale.

UGO

Utente Generico Organizzato

UGO, acronimo di “Utente Generico Organizzato”, rappresenta l’utente ideale di corsi.fun. “Utente” perché UGO può essere chiunque, da imprenditori a studenti.